Ricetta Pancake al cacao Gruffalo

Pancake al cacao Gruffalò: la mia storia con FABA

“Zanne tremende e artigli affilati, denti da mostro di bava bagnati, ginocchia nodose e terribili unghione e un bitorzolo verde in cima al nasone! Ha occhi arancioni, la lingua molliccia e aculei violacei sulla pelliccia!” E’ così che il topino protagonista della famosissima favola di Julia Donaldson, il Gruffalò, descrive questo terribile mostro, che si inventa cercando di spaventare gli altri predatori che incontra nel bosco frondoso. Nel corso della storia il topolino scoprirà che il Gruffalò esiste davvero, ma diventerà il suo alleato contro le bestie del bosco.

E noi questo Gruffalò lo rendiamo ancora più simpatico trasformandolo in una golosa ricetta per la colazione e la merenda dei bambini attraverso dei pancake al cacao decorati con tanta buona frutta fresca. Come fare? Ve lo spiego tra un attimo.

Pancake al cacao Gruffalo

Com’è entrato il Gruffalò nella cucina della Peri?

Ho sempre amato ascoltare le favole, a tutte le età, anche ora che sono un po’ più grandicella. Mi piace tantissimo perdermi nei mondi fantastici in cui ci trasportano, anche se faccio un po’ fatica ad obbligare il regista, mio marito, a raccontarmele. In questo FABA è un alleato perfetto. Si tratta di una versione moderna del vecchio raccontastorie, composto da una cassa audio e tanti personaggi sonori che consentono di attivare le rispettive favole, semplicemente posizionandoli per contatto sopra la cassa.

Faba e i personaggi sonori

E’ tutto assolutamente intuitivo e facile per i bambini. Quando ho ricevuto FABA insieme a Matte, ha fatto tutto da solo, non gli sono servite istruzioni! Si può scegliere tra tanti diversi personaggi sonori e quindi favole differenti, che aiutano i bambini ad avvicinarsi al mondo della letteratura per l’infanzia, stimolando attraverso il racconto la loro immaginazione. Dal Piccolo Principe a Cappuccetto Rosso, da Geronimo Stilton al Gruffalò, passando per canzoncine e ninne nanna. I personaggi sonori sono costruiti molto bene e sono piacevoli anche da maneggiare: non mi è parso vero vedere il nostro settenne perdersi ad ascoltarli anche durante il giorno, giocare a cambiare racconto, scegliere il suo preferito per addormentarsi. Insomma, mica potevamo non dedicare qualche gustosa ricetta a questo bellissimo mondo fantastico. E così, quando gli amici di FABA mi hanno proposto questa collaborazione, ho pensato di iniziare subito con un personaggio famosissimo e molto amato: il Gruffalò appunto.

Ah non vi ho detto dove poter acquistare lo starter set – la cassa audio – e i vari personaggi sonori: li trovate sia nello shop di FABA, che su Amazon o nei principali negozi di giocattoli.

Ingredienti per circa 6 pancake grandi:

  • 1 uovo intero
  • 220 ml di latte (fresco o a lunga conservazione)
  • 130 gr di farina setacciata
  • 3 cucchiaini di zucchero
  • 1/2 cucchiaino di lievito per dolci
  • 1/2 cucchiaino di bicarbonato
  • 15 gr di cacao amaro
  • fragole, mango o banana, mela verde, 2 gocce di cioccolato e un po’ di crema di nocciole per la decorazione
Frutta per decorare pancake

Come preparare i pancake al cacao

In una terrina unite l’uovo al latte e sbatteteli bene con l’aiuto di una frusta.
In un’altra ciotola, mescolate tra loro tutti gli altri ingredienti secchi (farina, lievito, bicarbonato, zucchero e cacao).

Ingredienti pancake al cacao

Versate quindi questo composto nella ciotola contenente uovo e latte e mescolate bene fino ad ottenere una preparazione liscia e omogenea.

Scaldate un pentolino antiaderente e ungetelo appena appena con un po’ di burro o un filo di olio. Con un mestolo, versate dal centro il preparato dei pancake al cacao in modo che distribuendosi sulla padellina formi un cerchio. Per fare il Gruffalò vi occorreranno due dischi di circa 14/15 cm.

Ricetta pancake al cacao

Quando noterete formarsi delle piccole bollicine sulla superficie del pancake, è segno che è pronto per essere girato. Basteranno circa un paio di minuti per parte.

Coma trasformare i pancake nel famosissimo Gruffalò

Per trasformare i vostri pancake al cacao nel simpaticissimo Gruffalò basterà seguire queste piccole indicazioni. Più facile a farsi che a dirsi 😉

Prendete un pancake al cacao e ritagliate la sagoma del profilo del volto con un coltellino liscio. Potete aiutarvi adagiando sopra il pancake la stampa che trovate qui – la stessa che ho usato io e che vedete in foto. Il disegno va stampato al 100% ed è adatto a pancake di circa 15 cm di diametro. Se fate dei pancake più piccolini, potete riproporzionare, riducendole un po’, le dimensioni di stampa.

Disegno Gruffalo da stampare

Ritagliate quindi il disegno e adagiatelo sul pancake per tracciare il profilo.

Sagoma Gruffalo da ritagliare

Dallo scarto del primo pancake potrete poi ricavare le orecchie del mostro e le zampe. Usate un secondo disco per fare il corpo: potete tagliarne uno spicchio per riuscire ad avvicinarlo meglio alla testa.

Decorazione pancake Gruffalo

A questo punto arriva la parte più divertente: la decorazione con la frutta!
Potete usare due dischi di banana o di mango, come ho fatto io, per gli occhi e due gocce di cioccolato per le pupille. La mela vi servirà per creare le corna e le zanne. Potete usarla anche per le unghie delle zampe, oppure potete farle con la banana.
Con uno stuzzicadenti intinto in un po’ di crema di cioccolato e nocciole potete tracciare la linea della bocca e le sopracciglia. Un pezzettino di buccia verde o di kiwi vi servirà per fare il foruncolo sul nasone.
Tagliate delle fragole a triangolo e usatele per creare gli aculei (sarebbero viola, ma rendono bene ugualmente). Sempre con le fragole potete fare anche l’interno delle orecchie, se proprio vogliamo fare i super artisti.

Ricetta pancake Gruffalo

Questo è solo un esempio, potete sfruttare anche altra frutta per creare il Gruffalò che più vi piace e poi mangiarvelo tutto, magari accompagnati dal suo racconto grazie a FABA! A noi piace un sacco anche insieme allo sciroppo d’acero.

Gruffalo Faba


Post in collaborazione con FABA

15 Merende sane per la scuola, semplici da preparare

Cosa preparare per la merenda da portare a scuola? La verità è che ho sempre associato la merenda allo spuntino di metà pomeriggio; poi un giorno mi rendo conto che il mio bimbo ha 6 anni e inizia la prima elementare (cioè la iniziava quando ho scritto per la prima volta questo articolo, ormai è l’anno della quarta). Subito dopo l’ansia di etichettare tutto, mi si è presentata un’altra missione: la merenda da mettere nello zaino!

E mi son resa conto che siamo in tanti a condividere la stessa impresa … la Peri ha scoperto l’acqua calda, ma sapete com’è, quando una cosa tocca in prima persona è subito più chiara e urgente.

Dunque bando alle ciance. Intanto: perché è difficile preparare una merenda sana, equilibrata e che i bambini mangino volentieri? Beh prima di tutto perché, si sa, siamo sempre tutti di corsa, specie la mattina: preparare una merenda “buona” a volte richiede un po’ di tempo. Quando però si ha uno schema in testa e le idee chiare, questo tempo davvero si riduce. Ed ecco che salta in gioco lo schema di merende dolci e salate della Peri per la scuola, adatte sia ai bambini delle primarie che ai ragazzini delle medie.

Schema Merende per la Scuola

Nella newsletter del mese (Settembre 2022) trovate allegato il pdf – come quello che vedete qui sopra – con l’elenco completo delle merende, pronto da stampare, che potete leggere nel dettaglio anche più sotto. Se non siete iscritti, lo potete fare ora inserendo i vostri dati:  riceverete subito le indicazioni con il link per scaricare gratuitamente il file e ricevere i prossimi menu settimanali, una volta al mese.

Inserisci i tuoi dati per scaricare il pdf se non sei ancora iscritta/o

Consigli per preparare una merenda sana

UN PO’ DI EDUCAZIONE ALIMENTARE: La merenda non può essere solo un concentrato di zuccheri. Idealmente dovrebbe contenere un po’ di carboidrati, proteine e un po’ di vitamine e sali minerali. Però, perché soddisfi lo scopo di colmare il vuoto di metà mattina e consenta ai bambini di arrivare fino all’ora di pranzo senza svenire, deve essere adatta, cioè deve piacere. Sicuramente ci sarà qualche compagno/a, ahimè, con delle merendine, qualcosa di più goloso, succhi di frutta zuccherati, ecc. La sfida quindi parte dalle nostre case: prima ancora di preparare la merenda per i nostri figli, dobbiamo sforzarci di fare anche un po’ di educazione alimentare così che capiscano il valore del mangiare sano.

COINVOLGERE I FIGLI: Vi invito sempre a coinvolgere i vostri bimbi, piccoli e meno piccoli, nella preparazione di ciò che poi mangeranno: è il modo migliore per avvicinarli positivamente a un certo tipo di alimentazione

MERENDE A BASE DI PANE: Per velocizzare i tempi senza il vincolo di comprare il pane fresco ogni mattina, potete fare un po’ di scorta e conservare i panini (già tagliati a metà) in freezer. Appena vi alzate, tirate fuori il pane che vi serve per quel giorno, farcitelo e all’ora della merenda sarà già morbido. Vi suggerisco di alternare diversi tipi di pane: pane al latte, pane di grano duro, pane integrale e semi integrale.

MERENDE A BASE DI FRUTTA: Optate sempre per la frutta di stagione. Se la acquistate biologica e non trattata, potete lasciare che i bambini mangino tranquillamente anche la buccia che è una parte ricchissima di proprietà nutritive (ad esempio nel caso di mele, susine o albicocche e pesche durante la bella stagione). Se per i bambini più piccoli proponete la mela tagliate a fettine, aggiungete qualche goccia di limone così che non annerisca.

PRODOTTI CONFEZIONATI: Se comprate dei prodotti confezionati, leggete sempre accuratamente l’etichetta. Gli ingredienti sono elencati in ordine di concentrazione, quindi se al primo posto c’è lo zucchero, vuol dire che è l’ingrediente maggiormente presente all’interno del prodotto … cosa ovviamente da evitare. Occhio anche alle varianti: zucchero, glucosio, fruttosio, ecc. Per quanto riguarda i grassi, è sempre preferibile un prodotto a base di olio extra vergine d’oliva, olii di semi ottenuti con spremitura a freddo … evitate invece i grassi di bassa qualità.

BEVANDE: In alcune scuole non è possibile portare da casa bottiglie o borracce di acqua. Ricordate però ai vostri figli di bere il più possibile durante la mattinata. Nel caso in cui compriate dei succhi di frutta, vale sempre la regola delle etichette: optate per un succo 100 % frutta.

Merende per la scuola: dolci e salate

Per incontrare gusti diversi, vi propongo sia merende dolci che salate (le potete alternare nel corso della settimana) che ho studiato in collaborazione con Chiara Saccomani, biologa nutrizionista. In realtà trovate molto più di 10 idee: alcune richiedono una piccola preparazione, altre sono espresse. Ho cercato di inserire questo e quello proprio per bilanciare anche il tempo richiesto.

Merenda frutta scuola

Merende dolci

  • Banana o un altro frutto di stagione + un po’ di frutta secca (nocciole/noci/mandorle) con qualche pezzettino di cioccolato fondente.
  • Tortino di mele, carote e nocciole (potete prepararne un po’ la domenica pomeriggio).
  • Panino morbido con l’uvetta. Non ho una mia ricetta ma potete acquistare un buon prodotto da forno.
  • Panino semi integrale con conserva di frutta o crema di nocciole (che contenga almeno il 40% di nocciole, occhio che il primo ingrediente non sia lo zucchero).
  • Yogurt vaccino o vegetale + un po’ di grissini.

Merenda sana scuola panino

Merende salate

  • Piccolo panino con crescenza, a cui si può aggiungere una foglia di insalata e pomodoro.
  • Panino fresco semi integrale con olio extra vergine d’oliva, pomodoro e origano.
  • Qualche pizzetta fatta in casa. La ricetta è talmente veloce che potete anche farle la sera per l’indomani. Le pizzette si possono conservare in frigo per un paio di giorni.
  • Con lo stesso impasto, potete proporre anche delle focaccine al rosmarino.
  • Cracker integrali (o di riso integrale) con succo di 100% frutta (anche in questo caso leggete con cura le etichette dei prodotti).

Non vi bastano 10? Ecco altri 5 abbinamenti

  • Cialde di riso e mais + pezzetti di mango disidratato (SENZA GLUTINE)
  • Bastoncini di carote/cetrioli o altra verdura cruda di stagione  + cubetti di parmigiano e qualche grissino.
  • Chips di mele (le trovate pronte disidratate in sacchettini monoporzione anche al supermercato o in alcuni fruttivendoli/aziende agricole in autunno) e fetta di pane con farcitura dolce o salata.
  • Bocconcino alla zucca (anche in questo caso, potete comprare un buon prodotto da forno e congelarlo) e un frutto a piacere.
  • Biscottini (meglio se fatti in casa o comunque genuini) + tisana tiepida e frutta secca.

Altre proposte di merende da portare a scuola

Sul blog ci sono tante altre ricette di torte e muffin (anche salati) che possono diventare una buona merenda da portare a scuola.  Con l’impasto della torta di mele, ad esempio, potete fare dei muffin alle mele davvero velocissimi, basta distribuirlo in circa 6/8 pirottini riducendo i tempi di cottura (circa 15/20 minuti a seconda della dimensione dello stampo). Oppure potete optare per la torta al cioccolato (senza glutine) o la torta al cioccolato vegana,  il plumcake dolce alle zucchine o il plumcake di mele e yogurt. Per gli amanti delle torte secche, potete provare con la torta linzer o la crostata di frutta con la frolla al farro – con lo stesso impasto potete fare anche dei biscottini. Con le banane mature potete preparare un ottimo banana bread oppure dei muffin senza zucchero alle banane.  E che ne dite dei muffin al cacao o quelli salati con barbabietole o verdure?

Ultimo aggiornamento: 12 Settembre 2022

Ricette Halloween

Ricette di Halloween per bambini

Qui è dove vi racconto tutte le ricette di Halloween che ho sperimentato e creato per i vostri bimbi, per festeggiare con gusto ma senza esagerare [ULTIMO AGGIORNAMENTO: 26 OTTOBRE 2021].

Se poi vi piacesse l’idea di farle insieme a me con i vostri bambini, non dovete far altro che scrivermi e io corro a casa vostra per un laboratorio a domicilio. A questo link https://periandthekitchen.carrd.co/ trovate tutte le informazioni sui corsi di cucina per bambini a domicilio.

Salto i convenevoli e passo subito al sodo per dirvi quali ricette dolci e salate potete provare tra fanstasmi, pipistrelli, ragnetti e mostri vari.

  1. Fantasmini di meringhe
  2. Biscotti paurosi
  3. Pancake mostruosi
  4. Cioccostrelli
  5. Spider Pizzette
  6. Mummie fantasma
  7. Muffin da urlo
  8. Mister mostrino

1. Fantasmini di meringhe

Ricette halloween fantasmini

Ingredienti per 2 teglie:

  • 2 albumi a temperatura ambiente
  • 200 gr di zucchero a velo
  • un pizzico di sale
  • cioccolato fondente al 70% q.b.

Preparazione fantasmini meringhe

Procedimento:

– Montate bene gli albumi e lo zucchero con un robot fino ad ottenere un impasto molto appiccicoso.
– Trasferitelo in una sac-à-poche usa e getta e tagliate la punta con le forbici. Usatela per creare le meringhe e disporle su una teglia ricoperta con carta da forno, distanziandole un po’ tra loro.
– Infornate a 100° per un’ora abbondante. Per i primi 10 minuti portate la temperatura a 110°. Durante la cottura, lasciate il forno leggermente aperto con un mestolo di legno per favorire l’uscita dell’umidità.

Decorazione meringhe halloween

– Una volta pronte e raffreddate, disegnate gli occhi e la bocca dei fantasmini intingendo uno stuzzicadenti in un po’ di cioccolato fondente sciolto a bagnomaria.

2. Biscotti paurosi

ricette halloween biscotti fantasma

Ingredienti per circa 10 biscotti completi:

  • 180 gr di farina tipo 1
  • 100 gr di burro
  • 1 tuorlo d’uovo
  • 50 gr di zucchero
  • 1 pizzico di sale

Ingredienti per la decorazione:

  • marmellata di ciliege, fragole o lamponi (circa 2 cucchiaini a biscotto)
  • zucchero a velo q.b.
  • 50 gr di cioccolato fondente al 70 %

Continue reading

Pizzette veloci per Halloween e feste dei bambini

Dovete sapere che queste pizzette veloci, facilissime da fare e ancor più da mangiare, sono tra i miei cavalli di battaglia ai laboratori di cucina per bambini. Potete davvero fidarvi sulla loro riuscita: le hanno impastate e divorate decine di bambini, anche piccolini, con grande soddisfazione anche dei genitori 😉

Pizzette veloci con mozzarella

Qui ve le racconto in una versione un po’ spider con una farcitura alle olive, tagliate e disposte a forma di ragnetto, in chiave Halloween. In realtà, questa ricetta è davvero versatile e può essere un’ottima idea per merende salate, feste di compleanno, pigiama party o gite coi bambini.

Pizzette veloci halloween

Online si trovano un sacco di versioni delle pizzette senza lievitazione. Io mi sono ispirata alla ricetta della famosissima chiarapassion, con alcune varianti per rendere l’impasto ancora più adatto ai bambini. Gli ingredienti sono pochi e genuini: solo farina di farro, ricotta fresca, olio extra vergine d’oliva, sale e lievito istantaneo. L’impasto si lavora facilmente usando le mani e non richiede tempi di attesa e lievitazione. In forno 15 minuti e via!

Ingredienti per 20 pizzette:

  • 200 gr di farina di farro
  • 200 gr di ricotta fresca
  • 35 gr di olio extra vergine d’oliva
  • 5 gr di lievito istantaneo per pane/pizze
  • sale q.b.

Farcitura pizzette veloci

Ingredienti per la farcitura:

  • 220 gr di salsa di pomodoro asciutta
  • 150 gr circa di mozzarella sgocciolata
  • olive nere snocciolate (circa 2/3 a pizzetta)
  • origano q.b.
  • olio extra vergine d’oliva q.b.

Come preparare l’impasto di queste pizzette veloci:

Lavorazione impasto pizzette veloci

– In una ciotola, mescolate la farina setacciata, la ricotta (dopo averla sgocciolata), l’olio, il sale e il lievito.
– Lavorate l’impasto con le mani fino ad ottenere la classica palla per la pizza.
– Dividete l’impasto in due e stendetelo con un mattarello infarinato.
– Con un bicchiere di circa 6/7 cm di diametro, intagliate i dischetti e dispondeteli su una leccarda ricoperta da carta da forno.

Farcitura e cottura:

Pizzette veloci preparazione

– Ungete le pizzette con un filo d’olio extra vergine d’oliva e distribuite la salsa di pomodoro su ciascuna (non deve esssere acquosa).
– Infornate a 180° per 10 minuti (forno statico).
– Completate la farcitura con la mozzarella precedentemente sgocciolata, olive nere tagliate per creare la sagoma dei ragnetti (a video vedete tutti i passaggi nel dettaglio), origano e qualche goccia di olio evo.

Olive sagomate
– Infornate per altri 5 minuti a 180°.
– Servitele tiepide. Se ne avanzate, potete conservarle in frigo un giorno con una pellicola e riscaldarle con un tostapane.

Come personalizzare le pizzette

  • Potete personalizzare queste pizzette veloci con gli ingredienti che preferite, come si fa con le comuni pizze. Occhio solo ai tempi di cottura, perchè oltre 15 minuti non devono stare.
  • Potete anche trasformare le pizzette in delle focaccine salate, evitando la salsa di pomodoro e usando solo mozzarella e rosmarino.
  • Al posto dell’olio extra vergine d’oliva potete utilizzare circa 40 gr di burro, otterrete un impasto ancora più morbido e facile da lavorare anche con i bambini.

Focaccine veloci rosmarino

 

Se siete dei pizza addicted come me, vi lascio i link a tutte le mie varianti di pizzette:

Per altre ricette ispirate alle feste dei bambini e a quella di Halloween in particolare, potete dare una sbirciatina ai Cioccostrelli, dolcetti di Halloween facili e sfiziosi.

LO SAPEVI CHE?Nutrizionista

Informazioni nutrizionali a cura di Chiara Saccomani, biologa nutrizionista del Policentro Pediatrico di Milano

“Avete mai provato la farina di farro? Potrebbe essere un’alternativa alla solita farina di frumento (anche se in realtà appartiene allo stesso genere botanico). Con il sapore un pochino più deciso, la farina di farro è inoltre caratterizzata da una maggiore digeribilità, in quanto contiene meno glutine rispetto al grano. La potete trovare anche integrale, ricca in fibre, alleate del nostro intestino.

La ricotta fornisce proteine di alta qualità e contiene meno grassi rispetto ai formaggi tradizionali (cercate però quella senza aggiunta di panna: leggete bene gli ingredienti).
L’olio extra vergine d’oliva è ricco di composti antinfiammatori e cardioprotettivi.

Ottima come merenda e alternativa salutare a snack e merendine confezionate.”

Menu settimanale abbinato

Cene veloci e merende nel menu settimanale abbinato alla scuola

Aiutooo, siamo invasi dal “back to school”! E’ diventato una sorta di mantra sul web da quando inizia settembre. Sembra quasi una condanna, una sentenza. Io appena lo leggo, cambio pagina perchè mi aspetto una lista di cose da fare, consigli, buone pratiche che mi fan sentire per lo più inadeguata 🙂 E allora che ci faccio con questo post? Sempre la stessa cosa: spero di semplificarvi questa fase dell’anno, che a me piace chiamare semplicemente “ripresa”, fatta di belle novità ma anche di fatiche, con un nuovo menu settimanale che vi aiuti a risparmiare tempo in cucina, togliere qualche grattacapo e ridurre gli sprechi.

Menu Peri and the kitchen

Cosa contiene questo nuovo menù settimanale equilibrato?

Il nuovo menu settimanale è uno schema di abbinamenti pranzo-cena che vi servirà a proporre il pasto più equilibrato alla sera, in base a ciò che i vostri bambini mangiano a scuola. Basterà controllare il tipo di proteina proposta alla mensa scolastica tra uova, formaggio, legumi, carne, pesce e associare la cena proposta nel menu. Mentre per il weekend trovate la proposta completa anche dei pranzi da preparare in casa, per il resto della settimana il giorno è indicativo.

Esempio di menu settimanale equilibrato

Ad esempio: se a scuola i vostri bimbi mangiano un primo+ verdure+FORMAGGIO, alla sera potrete proporre una pasta al pomodoro e un filetto di branzino. E così via per tutte le associazioni. Se invece i vostri figli pranzano a casa, potete comunque seguire lo schema per avere un’idea sul tipo di proteina da variare a pranzo, visto che una porzione di carboidrati e di verdure dovrebbero essere sempre presenti. Tutti gli abbinamenti sono stati studiati come sempre insieme ad Alice Cancellato, biologa nitrizionista del Policentro Pediatrico di Milano, che mi ha aiutata a creare le giuste associazioni per assicurarvi uno schema equilibrato e sano.

Ci sono anche le merende!

Per completare la settimana, il menu comprende anche delle proposte di merende che potrete preparare in casa facilmente. Sono tutte ricette della Peri già sperimentate che puntano a interrompere il pomeriggio con qualcosa di sano, ma di goloso e invitante allo stesso tempo. Trovate tutte le ricette più sotto.

Merenda sana

Controlla la posta per scaricare il menù in pdf o iscriviti alla newsletter.

Potete leggere tutto il dettaglio della settimana scorrendo in fondo questo post. Se desiderate stampare o salvare la versione in pdf di tutto il menu, controllate la vostra posta e la troverete allegata alla newsletter del mese.
Se invece non siete ancora iscritti e volete scaricarlo gratuitamente, iscrivetevi ora, compilando i campi qui sotto. Riceverete subito via la mail le indicazioni per accedere al file. I dati raccolti saranno utilizzati solo per inviarvi una volta al mese menù settimanali e ricette utili. Per qualsiasi info sul trattamento dei dati, è tutto spiegato nell’informativa sulla privacy.

Iscriviti alla newsletter per ricevere anche i prossimi menù settimanali

Continue reading