Brioche vegane: una ricetta per tutti i bambini

Senza uova, senza latte, senza burro … le brioche più buone che abbia mai fatto, anche perchè sono le uniche!
Fidatevi della Peri. Io me ne mangerei una dietro l’altra e il bello è che si può fareee!
Tra l’altro con le mie noti doti manuali, non riesco a creare delle brioche normo dotate – vale a dire di una misura standard – e così, con la scusa che sono piccine, son capace di farmi fuori una teglia intera. Per fortuna ho dei validi aiutanti 🙂

Questa ricetta studiata insieme ad Alice Cancellato – grazie Ali! – si fa davvero voler bene. E’ facile e super genuina, e soprattutto rende felici un po’ tutti: vegetariani, vegani, intolleranti al latte o alle uova. Ma rende felici anche voi che non siete intolleranti a nulla o non dovete seguire una dieta particolari, perchè sono così leggere che non si può non farsi tentare.

Prima di raccontarvi per filo e per segno i passaggi che potete vedete meglio a video, ringrazio ufficialmente il Nonno Ernesto, prestato al mondo della regìa per un giorno. Perdonate qualche pasticcio nelle riprese: è un mezzo miracolo che siamo riusciti a mettere insieme tutta la ricetta. Vi dico solo che a riprese concluse, mi sono accorta che una buona parte era senza audio … aiutooo! Per fortuna in qualche modo ce l’abbiamo fatta 🙂

Ma andiamo con ordine.

Ingredienti per 3 teglie di brioche vegane di piccole dimensioni:

Ingredienti brioche

Impasto:
– 1 bicchiere di acqua frizzante;
– 1/2 bicchiere di olio di semi di girasole;
– 1/4 di bicchiere di zucchero;
– 400 gr circa di farina tipo 0;
– 1/2 panetto di lievito;
– la buccia di un limone non trattato.

Farcitura:
– marmellata a piacere;
– crema di nocciole;
– mela e uvetta

Come si preparano le brioche vegane:

  • Per prima cosa unite acqua, olio e zucchero. Aggiungete anche il lievito sbriciolato, e mescolate con una frusta.
  • A questo punto iniziate a incorporare la farina. Ce ne vuole un bel po’: deve risultare un impasto simile a quello della pizza, un po’ elastico. Una volta che create il classico panetto, lasciatelo riposare almento mezz’oretta ricoperto da un panno.
  • Prendete delle porzioni di impasto e con l’aiuto di un mattarello infarinato, stendetele per poi intagliare dei triangoli. Qui sarete sicuramente più brave/i di me nel prendere le misure. Comunque sia il vostro senso dello spazio e della geometria, il risultato vi assicuro non cambia.

  • Una volta creati i triangoli, disponete un po’ di farcitura. E qui potete usare la marmellata che più vi piace, della crema di nocciole in cui il primo ingrediente siano le nocciole e non lo zucchero (o se siete ispirati, potete anche fare quella della Peri e Alice), tagliare una mela a piccoli pezzettini, bagnarla con un po’ di limone e aggiungere dell’uvetta precedentemente tenuta in ammollo (giusto il tempo in cui lavorate la pasta).
  • Arrotolate le brioche a partire dalle estremità più lunghe, chiudete bene i lembi esterni e disponetele su una teglia con carta da forno.
  • Infornate per circa 12 minuti a 170° finchè diventano un po’ dorate in superficie.

Nel video potete vedere bene il famoso gesto dell’arrotolo … le mie sembrano dei granchietti, lo so!

 


AliceCancellato_foto

ALICE CHE DICE?

Il commento di Alice Cancellato, nutrizionista del Policentro Pediatrico di Milano, specializzata in alimentazione dell’età pediatrica.

“Queste brioche sono senza uova e latticini, quindi adatte a chi ha scelto un’alimentazione a base vegetale, a chi è allergico o intollerante a questi alimenti o semplicemente a chi desidera un’alternativa leggera e senza grassi animali alle brioche tradizionali.

Si possono farcire con:
– Mela, uvetta, pinoli e cannella: la mela e l’uvetta sono naturalmente dolci e dolcificano queste brioche senza bisogno di aggiungere zucchero, hanno sali minerali, fibre solubili che regolano l’intestino e nutrono la flora batterica intestinale. I pinoli forniscono proteine vegetali, grassi essenziali e protettivi, vitamina E e sali minerali. La cannella è un antibatterico naturale e rallenta l’assorbimento degli zuccheri.
– Crema alle nocciole e cioccolato, con una quantità di nocciole > al 40 %, per renderle super golose. Le nocciole contengono proteine, grassi essenziali e protettivi, sali minerali e vitamina E.
– Marmellata 100% frutta per dolcificarle naturalmente. Con la marmellata di pesche, aggiungete qualche lamella di mandorla in superficie, con quella di arance qualche scaglia di cioccolato fondente, con quella di albicocche qualche nocciola tostata a pezzi, con quella di prugne qualche pinolo, con quella di fragole un pizzico di zenzero.”

Tag:, , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  1. ciao peri! sembrano buonissime…si possono congelare crude e cuocere poi al bisogno?

    • Ciao Emanuela, grazie 🙂 Certo puoi congelarle. Ti consiglio di preparare il cornetto (crudo), congelarlo e poi cucinarlo direttamente in forno.

  2. Ricetta particolare davvero, e molto invitante 🙂

    • Grazie mille Paola, io le rifaccio periodicamente perché sono davvero semplici.