Ricette sane per bambini

Il pesto di fave

Spesso si pensa che le ricette sane per bambini siano qualcosa di insipido e triste. Errore! Avete mai assaggiato il pesto di fave? Provate questa versione con anacardi e pecorino e poi raccontatemi cosa ve ne pare.

Quando arriva la primavera … zac, mi scatta subito la voglia delle primizie. Questo pesto di fave è una vera dritta. Si prepara in pochi minuti ed è comodissimo per condire una pasta e servire un piatto unico per tutta la famiglia.

Pasta al pesto di fave

Le fave sono tipiche della primavera, appartengono alla famiglia delle leguminose e sono quindi un’ottima fonte di proteine vegetali. In questo pesto, il loro sapore gustoso si combina armoniosamente con quello del pecorino e del basilico. Potete usarlo per condire una pasta aggiungendo un po’ di acqua di cottura o spalmarlo su una bella fetta di pane per degli sfiziosi antipasti.

Come preparare il pesto di fave

Ingredienti:

  • 150 gr di fave fresche lessate o in vasetto sott’olio e sale
  • 70 gr di pecorino grattugiato
  • 45 gr di anacardi
  • 80 ml di olio extra vergine d’oliva
  • qualche foglia di basilico

E’ sufficiente frullare gli anacardi fino a polverissarli con un macinino, unire gli altri ingredienti e ridurli a crema con l’aiuto di un robot da cucina.

Se usate le fave fresche, una volta sgranate e tolte dal bacello, potete lessarle in acqua bollente per circa 7 minuti. Quindi le scolate e le frullate insieme agli altri ingredienti, aggiungendo l’olio a filo un po’ per volta. Potete usare anche quelle già lessate in barattolo, con l’accortezza di sciacquarle sempre bene per eliminare il sale del liquido di conservazione.

Non finirò mai di ringraziare Alice Cancellato, nutrizionista del Policentro Pediatrico, per tutti i buoni consigli che mi dà nella preparazione di tante ricette sane per bambini. Se vi piace l’idea del pesto, ecco altre ricette che vi potrebbero tornare utili:

pesto crudo di broccoli
pesto di carote e ceci
pesto di zucchine
pesto di fagioli cannellini

Tag:, ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *